Quando comunicazione diventa trasformazione

Importante è capire quando comunicazione diventa trasformazione e chi la propaga. L’attività del social media manager non può essere catalogata in un semplicistico lavoro di “gestione dei social”, in quanto non si limita soltanto a postare contenuti, fare campagne di advertising o raccolta di dati, ma presuppone un background di competenze necessarie e finalizzate all’ottenimento dell’attenzione e la fiducia di un determinato pubblico.

Tale attenzione e fiducia la si ottiene esclusivamente con una comunicazione veritiera, efficiente ed efficace, laddove per comunicazione non deve intendersi esclusivamente pubblicità.

Nell settore del retail bisogna prediligere la comunicazione, in maniera tale che il messaggio venga percepito oltre che come una trasmissione di informazioni, ma come un mezzo finalizzato a creare una comunanza di interessi e costruire un legame tale da far emergere un senso di comunità, nel mettere insieme persone che hanno in comune interessi e pulsioni.

A mio parere, una giusta comunicazione potrebbe cambiare la maniera di sentire l’intero ecosistema di una comunità, cominciando dal singolo individuo.

Il compito di social media manager in questo ambito ha potenzialità infinite verso il cambiamento con il brand aziendale quale mette nel primo posto le informazioni veritiere, innovative e coinvolgenti.  Tanto che la comunicazione diventi reciproca e non unidirezionale.